Sezione tronchi Tagliati Magnifica Comunità di Fiemme Rinascita dei boschi di Fiemme I boschi della val di fiemme I boscaioli della magnifica comunità di fiemme I pascoli in val di fiemme Il vivaio di abeti in val di fiemme

Magnifica Comunità
di Fiemme

Le Foreste

Magnifica Comunità
di Fiemme

Il Palazzo, Museo Pinacoteca

  • Cara Foresta

    Cara foresta, anche quest'anno sta terminando, tra mille imprevisti, colpi di scena, problemi e sorprese.

    Ripensando al gennaio scorso, quando eravamo contenti di aver superato un anno, il 2019, che la tempesta Vaia ha drasticamente scelto come il nuovo anno “zero” per il settore forestale; credevamo di aver davanti un periodo sicuramente più tranquillo di quello appena vissuto.

    Invece, poche settimane dopo, un piccolissimo virus fino ad allora sconosciuto , generò il panico in tutto il mondo. Così iniziarono i lunghi tempi del lockdown, della tensione continua, del crollo del sistema economico mondiale e delle tante vite trascese.

    Fu proprio in quei momenti che ci rendemmo conto quanto tu sia importante per noi, più di quanto già immaginavamo. Quel virus ci fece capire che poter respirare l’aria pura che tu produci ( e che noi inquiniamo!) o poter passeggiare fra i tuoi alberi in tutta libertà e serenità non sono cose scontate.

    E’ anche vero, cara foresta, che già la tempesta Vaia ha permesso a molti di coloro che ti vedono ogni giorno fuori dalla finestra di casa di capire che senza di te le montagne non starebbero in piedi, molte persone non avrebbero un lavoro e in generale non sarebbe possibile vivere in questo bellissimo luogo senza aver paura che una frana, una valanga o un torrente ti cada addosso da un momento all’altro.

    Ma solo quest’anno abbiamo capito l'inestimabile valore del ruolo che ricopri per noi esseri umani. C’è addirittura chi sostiene che il comportamento violento di quel piccolo virus sia anche dovuto alla noncuranza che l’uomo, in troppi angoli del mondo, finora ti ha riservato. Ne siamo convinti anche noi.

    Ripensando a tutto quello che è successo, agli enormi sacrifici che l'intera umanità ha dovuto affrontare, ci viene spontaneo di ringraziarti più di quanto abbiamo fatto finora, per tutto quello che ci hai donato e che continui a regalarci. Meriti tutta la nostra attenzione e il nostro amore.

    Per questo, nei mesi scorsi ci siamo sforzati a rimarginare le ferite che la tempesta Vaia ti ha inferto. Ad oggi abbiamo raccolto circa il 75% delle piante che il vento di quella notte ti aveva rubato. Abbiamo recuperato più della metà delle strade erose dalla pioggia e riaperto tutti i principali sentieri ostruiti.

    Credici, è stato un gran lavoro. Non ci sembrava comunque sufficiente a ringraziarti.

    Così ti abbiamo osservato ancor più attentamente di quanto già facciamo di norma e abbiamo scoperto che pulisci l’aria con un'efficienza quasi venti volte superiore a quello di cui avremmo bisogno qui in valle di Fiemme. Ma non solo. L’acqua non sarebbe così pura e il suolo così fertile senza la tua attenzione costante. Senza di te non sarebbe nemmeno possibile la vita di migliaia di creature. Probabilmente il concetto stesso di vita avrebbe poco senso.

    Dopo aver preso consapevolezza di questo tuo immenso potere, abbiamo capito quale sarebbe stato il regalo migliore per te: vogliamo curarti, coccolarti e rafforzarti con tutta l'attenzione e l’amore possibili.

    Non basterà però stare attenti a quanto legname prelevare o a quanti funghi raccogliere oggi. Non basterà nemmeno mantenere efficienti le strade o i sentieri, oppure piantare qualche albero in più. Abbiamo capito che ogni azione che faremo verso di te si ripercuoterà anche sul tuo stato futuro. Dobbiamo insomma volerti bene oggi ma pensando a come starai domani e questo dobbiamo farlo con l'obiettivo finale di vederti sempre più vigorosa, sempre più stabile, sempre più affasciante.

    Per la verità noi ci siamo posti già da tempo l’obiettivo di conservarti in salute. Ma adesso non ci basta più. Vogliamo vederti sempre più rigogliosa. Così ti promettiamo di curare le tue ferite più di quanto già facciamo, di confortarti e di rafforzarti con tutte le attenzioni e l’amore che possiamo donare .

    E’ una promessa ambiziosa, ma faremo tutto il possibile per rispettarla. Perché per noi sei davvero preziosa e insostituibile. Adesso ti lasciamo riposare sotto la tua candida coperta di neve e nel silenzio che solo l’inverno è in grado di creare. Speriamo che questo nostro dono ti piaccia. Ma qualora non ti bastasse, sappi che, appena ti risveglierai, noi saremo pronti ad ascoltarti, ogni volta che lo vorrai.

    Buon Natale cara foresta...e a presto!

  • Il bosco che cresce. Diretta web dalla Val di Fiemme

    Appuntamento Venerdì 25 Maggio ore 12.00 con la diretta web organizzata da WOWnature per mostrare gli alberi in crescita e il bosco che sta rinascendo in Val di Fiemme dopo la tempesta "Vaia".

    Potrai seguire la diretta sulla pagina facebook di WOWnature

  • #ForesteSulSofà: foreste, sostenibilità e persone in streaming

    Una serie di dirette Facebook curate da FSC Italia, che cercheranno ogni volta di raccontare in 30 minuti le storie, le persone e i fatti sulle foreste in Italia e nel mondo.

    Scopri tutti gli appuntamenti in programma.

    Giovedì 14 maggio alle ore 11 il relatore sarà Ilario Cavada che parlerà della tempesta Vaia, cosa è successo e cosa ci ha insegnato.

    Potete seguire l'evento in streaming su facebook sulla pagina di FSC Italia

  • #verdesperanza

    Da questa pandemia abbiamo tutti il dovere d’imparare. Di guardare oltre la malattia in sé e per sé.
    Un buon maestro è la natura. Dobbiamo osservarla, comprendere i preziosi messaggi che continua a suggerirci. Dobbiamo volerle più bene, prendercene più cura. Abbiamo il dovere di riflettere su come l’abbiamo trattata finora.
    Pensiamo a una pianta, a una singola pianta: milioni di anni di evoluzione l’hanno portata ad affrontare i problemi, qualunque problema, rimanendo ferma, ma comunicando e collaborando in maniera molto efficace con ogni altro organismo che le sta intorno, senza mai litigarci, perché ha capito e lo ha capito molto prima di noi, che l’unione fa la forza. In miliardi d’anni ogni pianta ha affrontato catastrofi, glaciazioni e sta ora affrontando l’ignoranza dell’uomo. Nonostante tutto questo, c’è ancora.
    Le piante hanno accompagnato la vita dell’uomo da sempre, a volte guadagnandoci, il più delle volte sacrificandosi. Ma esistono ancora e per fortuna ce ne sono ancora tante.
    Impariamo da loro. Vogliamo loro bene. Vogliamo bene alla natura. Vogliamo bene a colei da cui dipendiamo per ogni cosa: l’ossigeno, il cibo, l’energia di cui abbiamo bisogno ogni giorno, perfino lo svago. Iniziamo ad ascoltarla.
    Aiutiamola, non sfruttiamola.
    Queste sono le riflessioni su cui, a nostro parere, ogni persona deve riflettere dopo quest’esperienza.
    E’ una responsabilità, non una scelta. Ed è una responsabilità che noi ci stiamo assumendo da molto tempo, anche in questo momento.
    Noi ci siamo!

  • Condoglianze

    La Magnifica Comunità di Fiemme saluta

    Raffaele Zancanella

    Scario dal febbraio 2007 al maggio 2009
    e si unisce al cordoglio della famiglia

  • Cresci un Albero

    Progetto in Collaborazione fra la Magnifica comunità di Fiemme e WOWnature

    Acquista un albero che verrà piantato per la riforestazione post Vaia

    Un albero per la Val di Fiemme
FSC LOGO
ISCRIVITI ALLA NEWS LETTER